Contro l’ipertensione prova l’omeopatia


In una prospettiva omeopatica, l’ ipertensione è una patologia cronica e insidiosa, che evidenzia un’alterazione profonda della forza vitale che sostiene l’uomo: per trovare il rimedio che fa per te, è quindi importante valutare la complessità del tuo modo di essere, sia sul versante fisico, sia su quello psichico.

Come capire qual è il rimedio che fa per te

Baryta carbonica se sei un tipo “lento”
La tua caratteristica principale è la lentezza: sei rallentato nei movimenti, e nelle cose “di testa” tendi alla riflessione e a ponderare con calma ogni aspetto di un problema. I disturbi in cui più facilmente incorri sono: palpitazioni e cefalea che peggiora col caldo, mentre tutti gli altri sintomi di cui puoi soffrire si aggravano col freddo.

Argentum nitricum  se soffri di “ansia da anticipazione”
Nell’imminenza di qualsiasi evento che necessiti di un minimo di concentrazione, sei facile preda dell’ansia: prima di un viaggio, di un colloquio importante, di un incontro cui tieni. In questi casi diventi irritabile, ti sembra che il tempo non passi mai e perdi le staffe per un nonnulla. Quando poi l’evento accade, riprendi la calma, come per incanto. I sintomi di cui soffri sono gli stessi di Baryta, con la differenza che peggiorano col caldo. Altra caratteristica: il desiderio compulsivo di dolci e caramelle.

Belladonna se sei “sanguigno”
Amabile, esuberante, con la stoffa del leader, spesso tendi a strafare. Misura e sobrietà non fanno per te; anche quando ti ammali, ti succede di colpo, con sintomi forti (febbre alta, spossatezza infinita…) che, toccato il loro livello massimo, rapidamente scompaiono. Quando stai male ti metti a riposo, cercando di stare al caldo ed evitando rumori, luci, movimento, tutto ciò che ricerchi quando sei in forma.

Sulphur: se hai una fantasia inesauribile
Come il tipo Belladonna, sei impulsivo e passionale, ma non tolleri qualsiasi forma di calore. L’alta temperatura infatti, peggiora tutti i tuoi disturbi, che migliorano se stai sdraiato.  Nel caso dell’ ipertensione vampate calde al viso, sudorazione profusa, capogiri, palpitazioni e nausea. Unica eccezione è il cibo: quando stai male lo desideri bollente.    

Aconitum per le crisi improvvise
Aconitum è il rimedio omeopatico adatto in caso di un’e-splosione improvvisa del disturbo. I sintomi della crisi in tali situazioni si preannunciano così: cefalea con un senso di pressione esterno, vertigini se si muove il capo, polso pieno e duro, palpitazioni. Il tutto associato ad ansia, paura di morire, che portano il soggetto a muoversi senza sosta. Aconitum è particolarmente utile quando la crisi avviene dopo il tramonto o in una stanza calda. Si assume alla 5 CH, nella dose di tre granuli ogni ora, diradando gradualmente la somministrazione allo scemare della crisi.

Le dosi: tranne aconitun, questi rimedi omeopatici si prendono in granuli, un tubo monodose alla 30 CH, tre volte alla settimana.

In ogni caso è buona norma consultare sempre un medico omeopata prima di cominciare il trattamento.

2 commenti:

Ale ha detto...

Credo di essere Argentum nitricum...
mi sembra di averlo anche già preso.
Ma come al solito non sono costante.
Buona domenica. Un abbraccio.
Ale

Gocce D'Aurora ha detto...

Dovresti prendere qualcosa per alimentare la tua costanza :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...