Tecniche di meditazione e Fibromialgia

Le tecniche di meditazione sono usate da millenni in tutte le culture conosciute. Si può affermare che lo scopo della meditazione è sempre stato fondamentalmente il raggiungimento di un benessere psicofisico grazie alle diverse tecniche sviluppate, che rispecchiavano una visione olistica dell’uomo considerato come una unità inscindibile di corpo e mente.
Tra le più conosciute possiamo citare la meditazione buddista, la meditazione taoista, la meditazione zen e la meditazione cristiana; tra le tecniche più moderne, una delle più conosciute e studiate è la meditazione trascendentale.
Gli studi sulla meditazione ad oggi sono molti, effettuati da medici e da psicologi, specialmente a partire dagli anni 80, quando si ebbe un riconoscimento ufficiale di queste tecniche da parte del National health Institute (NIH).
Tra gli effetti psicofisiologici indotti citiamo: un ripristino dell’equilibrio dei neuromediatori cerebrali e un aumento di onde alpha e delta evidenziabili con EEG; la diminuzione della pressione arteriosa; la diminuzione del ritmo cardiaco; la diminuzione del consumo di ossigeno; la diminuzione della tensione muscolare. La meditazione si è rivelata forse la tecnica più efficace nei disturbi d’ansia e di talune depressioni minori, così come nella terapia del dolore (anche oncologico) sia acuto che persistente. Numerose ricerche hanno quindi evidenziato una migliore qualità di vita in pazienti con diverse malattie, anche terminali, ed un numero significativamente minore di ricoveri ospedalieri con un utile risparmio nelle spese mediche.

Psoriasi


Visto che ne soffro perchè non parlarne?

La psoriasi è una particolare malattia della pelle, non contagiosa ma che colpisce più di 100 milioni di persone nel mondo. 
Con il termine psoriasi si definisce un complesso spettro di espressioni cliniche infiammatorie ed iperproliferative, determinate geneticamente, che generalmente coinvolgono la cute con lesioni eritemato-squamose.
E' una patologia con un forte impatto negativo sulla qualità di vita.
E' una malattia della pelle ad andamento cronico e recidivante 

 Guarire la psoriasi
Un metodo naturale


Causa e Fattori Scatenanti 
Fino a non molto tempo fa gli specialisti brancolavano nel buio sulle cause di questa malattia. Si sapeva solo che aveva un'origine genetica e che esistevano fattori che potevano determinarne la comparsa.
Per fattori scatenanti si intende un evento che provoca la comparsa della psoriasi già presente nella persona in uno stato di latenza. 
Di seguito sono indicati gli eventi che possono causare la comparsa della psoriasi, in quanto ne favoriscono lo sviluppo e ne possono peggiorare il decorso:

Lo stress:  cioè un insieme di reazioni che il cervello innesca nell'organismo a fronte di un evento drammatico o che valuta pericoloso per l'incolumità psico-fisica dell'individuo.

I traumi: qualsiasi trauma di tipo fisico, come il grattamento, le ustioni, le cicatrici chirurgiche o i colpi accidentali, possono provocare, in persone predisposte, anche a distanza di una o due settimane, la comparsa di chiazze psoriasiche, esattamente nelle sedi interessate dall'evento. Questo fenomeno è noto col nome di Koebner.
Sembra che non solo l'intensità di un colpo accidentale, ma anche la frequenza con cui vi si rimane vittime, sia determinante per lo sviluppo della psoriasi. 
  
Farmaci: ci sono alcuni medicine che possono agire da fattori scatenanti, come quelle a base di Litio, di beta- bloccanti, antimalarici.
L'infezione della gola, causata dallo streptococco betaemolitico, è spesso collegata alla comparsa di eruzioni psoriasiche nei bambini.
Per gli adulti, in occasione di questo tipo di infezione, si verifica una generale acutizzazione della patologia, accompagnata da una maggiore resistenza ai farmaci.

Alterazione del metabolismo: l'alterazione di alcuni processi metabolici e un'alimentazione povera di calcio sono in alcuni casi responsabili della comparsa della psoriasi.

Ormoni
: spesso la psoriasi compare in corrispondenza della pubertà e della menopausa, periodi in cui l'equilibrio biologico viene profondamente modificato.

Etilismo e fumo
: le forme gravi di psoriasi sono spesso accompagnate dall'abuso di alcool e nicotina.


Aspetti Clinici
Le varie forme della Psoriasi
Psoriasi a placche o volgare
E' la forma più comune, insorge generalmente nella seconda o terza decade di vita con piccole lesioni isolate, che, ingrandendosi, confluiscono tra loro, fino a formare le classiche chiazze localizzate prevalentemente sui gomiti e sulle ginocchia, sulla regione sacrale e sulla piega interglutea. 

Psoriasi guttata
Si può presentare con la comparsa eruttiva di chiazze rossastre, che vanno incontro a desquamazione.
Questa forma colpisce soprattutto il tronco e raramente il volto e il capillizio; provoca un malessere generale, dolore alle piccole articolazioni. 

Psoriasi pustolosa
Può essere localizzata o diffusa, con diversi gradi di severità; è caratterizzata da vaste chiazze eritematose-desquamative, prevalentemente al tronco, circondate da pustole piene di pus. 

Psoriasi eritrodermica
E' la forma più grave, ma fortunatamente è rara. Di solito è una generalizzazione di una psoriasi preesistente e scatenata da diversi fattori, quali una dermatite atopica associata o a terapie mal condotte o ancora reazioni tossi-allergiche e traumi psichici rilevanti. 

Psoriasi invertita
Si tratta di una forma che ha una localizzazione speculare rispetto alla classica: predilige le pieghe dell'inguine e delle ascelle, la zona dell'ombelico e della zona sotto-mammaria.
Le chiazze sono molto arrossate e la pelle è liscia; la desquamazione è molto ridotta, se non completamente assente.


Varianti alle forme principali
Psoriasi del cuoio capelluto
Il cuoio capelluto è frequentemente coinvolto nelle persone colpite da psoriasi volgare; raramente può rappresentare l'unica sede.
Si presenta come una corona eritematosa a margini netti, coperta da squame bianco-argentee secche, localizzata all'attaccatura dei capelli, che interessa anche la cute della fronte e della zona auricolare. 

Psoriasi ungueale
E' una forma abbastanza rara, che coinvolge soprattutto le unghie. Nelle persone colpite da artropatia psoriasica, rappresenta spesso l'unica manifestazione cutanea. Nella lamina dell'unghia si possono originare strie trasversali o longitudinale. 

Psoriasi palmo-plantare
Le chiazze insorgono in corrispondenza delle mani e dei piedi e non sono necessariamente simmetriche.
La pelle si presenta in forma disidratata con squame biancastre di aspetto lamellare, che tendono a sollevarsi, lasciando scoperte diverse zone della pelle. In alcuni casi può degradare associandosi a forme gravi di artrite, generando l'"artrite psoriasica".


http://www.adipso.org

Il Lago Incantato


Il Lago Incantato


    Immagina di essere sulla riva del grande Lago Incantato. Intorno, lungo la sponda, innumerevoli persone rivolte ad esso. Ai tuoi lati quelle con le quali hai legami di parentela, affettivi o di amicizia, poi altri visi familiari e via via tanta altra gente, mai vista prima. Ognuna di loro è in piedi e sta lanciando dei sassi nel lago, anche tu lo fai. Qualcuno riesce a tirare anche sassi molto grossi e molto lontano, altri solo granelli di sabbia vicino ai propri piedi, altri aspettano di vedere dove gli altri li lanciano, per tirare anche i loro nelle stesse aree del lago, altri ancora tirano a caso. Ogni sasso – piccolo o grande, lanciato vicino o lontano, con forza o fiaccamente, con concentrazione o distrattamente – entrando in contatto con l’acqua produce delle onde. Sassi grandi producono onde grandi, sassi piccoli onde piccole.
   Tutte le persone hanno inoltre, davanti a sé, una sorta di piccolo golfo personale, che guida le onde che giungono dal lago verso i loro piedi.
   Tutte le onde prodotte da ciascuno con i propri sassi interagiscono tra loro sommandosi in alcuni punti e annullandosi in altri. Quelle che giungono sulla riva del lago sono il risultato di tutte le onde che tutti i sassi hanno prodotto ma quelle che entrano nel tuo golfo, e arrivano in prossimità dei tuoi piedi, sono soprattutto quelle che hai prodotto tu, con i tuoi sassi, come fossero rivolte, e riconoscessero, chi ha dato loro origine. Ogni altra persona lancia propri sassi e ha onde nel proprio golfo. Ma è un Lago Incantato: le onde che giungono lungo le sue sponde si trasformano e generano scenari, come film tridimensionali: la Realtà condivisa, quella che tutti percepiscono e vivono collettivamente, a fare da sfondo. Ma le onde che giungono nel tuo porticciolo sono soprattutto quelle che hai generato tu, che sono state prodotte unicamente da te e dai tuoi sassi, prima di arrivare nel tuo piccolo golfo, hanno interagito con tutte le altre onde del Lago. Anche queste si trasformano e generano cose ma solo per te e sono in primo piano: la Realtà individuale, quelle che ognuno vive individualmente all’interno di una Realtà collettiva, condivisa, a fare da sfondo. Lo stesso è per tutti gli altri. Quelle onde personali dipendono da quanti e quali sassi ognuno ha lanciato, dalle dimensioni, dalla distanza, ma soprattutto da dove, nel lago, hanno toccato l’acqua e sono affondati in esso. Ogni volta che un sasso tocca l’acqua, in quel Lago Incantato accade qualcosa: si muove tutto  anche solo per un granello di sabbia. Genera qualcosa che a volte sembra emergere, altre riaffondare subito dopo, ma spesso rimane a galla e viene trascinato dalle onde personali proprio nel golfo personale di chi le ha prodotte.
   Osservi che qualcuno sembra essere concentrato e felice. Scruta il largo e, prima di lanciare i suoi sassi, prende bene la mira. Sceglie i più grandi e sembra che riesca, o almeno ci provi, a mandarli in punti precisi del Lago, scelti da lui, e sembra che sappia già che quello che emergerà, è proprio quello che vuole. Sorride ad ogni suo lancio. I suoi sassi producono onde belle ed evidenti, che si propagano coinvolgendo tutto il Lago ma arrivano sempre, puntuali, nel loro piccolo golfo, a trasformarsi in cose che sembra rendano il padrone, ogni volte, più felice.
   Altri, invece, sembrano molto confusi, distratti, lanciano perlopiù sassolini e sembra che lo facciano a caso, senza nemmeno guardare dove li stanno tirando, dove cadono nel Lago, che cosa fanno emergere e che cosa produrranno nel loro piccolo golfo. Guardano solo che cosa c’è davanti ai loro piedi e ai piedi degli altri, fanno confronti, giudicano, alcuni di loro sembrano cupi, altri rabbiosi, altri si lamentano, altri sembrano sperare in qualcosa, ma tengono gli occhi chiusi. Il piccolo golfo di molti di loro è sporco, eroso da onde deboli, caotiche, turbolente che giungono ai loro piedi trasportando e trasformandosi in cose che sono evidentemente diverse da quelle che si aspettavano, molta spazzatura. Ti sembra  inspiegabile: tutti hanno tutti i sassi che vogliono e possono lanciarli dove vogliono. Potrebbero almeno cercare di lanciarli meglio, ma sembra che quasi tutti, invece, vogliano continuare, e lo facciano di proposito, a lanciarli casualmente e senza fare alcuno sforzo. Molti, addirittura, sembrano furiosi con chi, invece, si impegna nei suoi lanci, o anche solo sorride… Decidi di voler capire e vai a chiedere a uno di loro che cosa aspetta a tirare meglio i suoi sassi, anziché lamentarsi e arrabbiarsi. Quello è un Lago Incantato! La sua reazione ti lascia allibito:
            “Quali sassi? Quale Lago Incantato? Tu sei pazzo! Io davanti ai miei piedi vedo che c’è solo spazzatura e schifezze e che davanti ai piedi di altri ci sono invece un sacco di cose belle. Quello là, vedi?  È lì che se la passa felicemente mentre io sono qui che soffro. Lo odio! Sono furioso! Io devo sempre subire ingiustizie perché sono buono e onesto mentre altri se la godono solo perché sono disonesti ed egoisti. E quell’altro là? È pieno di cose bellissime, e gli avanzano pure, ma quando gli ho chiesto di darne una anche a me, sai cosa mi ha risposto? Mi ha risposto di farmela anche io con i sassi! Ti rendi conto? Con i sassi! Mi prende pure in giro!... Sassi? Allora anche tu mi stai prendendo in giro! Vattene!”
   Lo fai e vai verso una di quelle persone che invece sta lanciando felicemente i suoi sassi. Le chiedi cosa stia facendo. Sorridendo emozionato ti dice:
            “Sai? Questo Lago è incredibile! Ho scoperto che ha in sé di tutto, cose fantastiche, tesori impensabili, esperienze da sogno, qualsiasi cosa riesca ad immaginare è da qualche parte là sotto e se riesco a colpirla con il sasso giusto, arriva a me. È straordinario!”
            “Davvero? Ma come fai a sapere dove devi tirare per colpirla?”
            “E’ questa la cosa più incredibile! Mi basta pensare, concentrarmi sulla cosa che voglio avere e che devo colpire. più è bella e più sono felice anche solo pensando di poterla avere. Prima di tirare il sasso lo scelgo, lo tengo in mano, chiudo gli occhi e mi immagino di vederla e che sia già mia, perché so che l’avrò, funziona così. A quel punto succede una cosa incredibile! Lo so, penserai che è impossibile ma se ci provi anche tu e ci riesci capirai che è così: io tiro il mio bel sasso dove voglio, cerco solo di mandarlo in un punto del Lago dove ci sono poche onde di quelle fatte dagli altri con i loro sassi ed è la cosa che voglio che và proprio dove io ho tirato il sasso! È quella cosa che colpisce il mio sasso! Funziona così! È il contrario di quello che si potrebbe credere! Io devo solo tirarlo bene perché faccia delle belle onde in tutto il Lago ed è ciò che voglio che va proprio lì, me ne sono accorto! Poi le mie onde la portano da me, come se mi riconoscessero e sapessero esattamente dove sono. È fantastico, dai, prova anche tu!”
            “Certo che ci provo!”
   Sorridi anche tu cercando di frenare la sua eccitazione che, pur delicata, ti travolge.
            “Ma scusa, se è così semplice, gli altri che cosa aspettano a farlo anche loro?”
            “E che ne so? Ho provato a dirlo ad alcuni di loro ma mi hanno detto che sono un pazzo visionario, nessuno mi ha creduto, mi sono anche preso degli insulti e qualcuno ha cercato anche di darmele. Tu sei il primo che me lo ha chiesto e mi ha ascoltato. Grazie!”
            “E tu come hai fatto a scoprire questa cosa?”
            “Da piccolo, giocando, una volta c’ero riuscito: avevo desiderato tantissimo una pista per le mie macchinine, per giocarci invece che in mezzo a tutti quei sassi.
   Pensavo alla mia pista preferita e ho sorriso mentre toglievo un sasso davanti alla mia macchinina preferita tirandolo in acqua, vicino alla riva ma a caso e senza pensare a dove andasse, senza nemmeno guardarlo.
   Poco dopo mi sono girato e in riva al Lago c’era la mia pista preferita. Ho creduto fosse apparsa dal nulla! Ero troppo felice e ho iniziato subito a giocarci senza cercare nemmeno di capire come era potuta apparire. Poi l’ho raccontato ai miei genitori, all’inizio credevano l’avessi rubata a qualcuno. Forse ancora lo credono. E poi ho pensato che forse qualcuno mi aveva fatto uno scherzo, ma bello! E me ne sono dimenticato. Qualche anno fa, poi, mi è successa una cosa bruttissima ed ero davvero disperato.  A un certo punto ho provato a esprimere un desiderio felice tirando un sasso, così, mi è venuto spontaneo farlo nel mezzo della mi disperazione, solo per cercare un sollievo. E mi sono accorto, e mi sono ricordato… Dai, prova anche tu, dai, fallo, ti prego!”
            “Ma sei sicuro che tutto questo sia Reale? Ho provato a parlare con uno di loro: dice che né il Lago né i sassi esistono e che le sole cose reali sono quelle che ti arrivano ai piedi, a caso.”
            “E se anche fosse? Anche se il Lago, i sassi e le onde fossero irreali? Anche io, tu e gli altri potremmo essere irreali, e anche le cose che arrivano ai piedi allora, e anche il caso allora! A me interessa godermi qualunque cosa possa vivere, reale o irreale poco importa, io sono felice e la mia felicità è reale e invece di perdere tempo a chiedermi che cosa è reale, e che cosa è irreale mi godo tutto quello che per me è reale, gli altri possono credere in quello che vogliono… Dai, prova!!!”

   Questa metafora, vedrai, è molto più realistica di quanto tu possa ora pensare…


Tratto da
Io Scelgo Io Voglio Io Sono
Il metodo Exotropic Mind
Voto medio su 14 recensioni: Da non perdere
€ 24.9

Io Scelgo Io Voglio Io Sono
Versione nuova
€ 16.9

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...